Silent Check

Ancelotti e il mistero dello spogliatoio

By 12 Settembre 2019

Il mistero dello spogliatoio. Questo il titolo del nuovo romanzo ambientato a Napoli. Dopo quelli delle bambine della Ferrante e i commissari di de Giovanni, il nuovo capitolo in casa partenopea è di Carlo Ancelotti, che nel tempo libero (ibero dai suoi impegni di narratore) allena ancora la squadra azzurra.

Carletto fa visita ai nuovi spogliatoi del San Paolo – il Napoli ha giocato le prime due di campionato fuori casa su richiesta, per vedere ultimati i lavori di miglioramento dell’impianto – e, una volta tornato, rilascia niente di meno che un comunicato stampa a suo nome, indignato, pungente, che proprio non le manda a dire.

Descrive una situazione nera, con i lavori ancora in alto mare con due partite casalinghe a strettissimo giro nei prossimi giorni. Gli risponde, poche ore dopo, la direttrice dei lavori Filomena Smiraglia, che smentisce categoricamente il quadro dipinto da Ancelotti. E rilancia.

Tutto in ordine, sarà rispettata la consegna di venerdì mattina. Anzi, siamo in anticipo sulla tabella di marcia. Poi, curiosità mia, siamo a giovedì, mancano ventiquattro ore alla consegna, su cosa si può essere in anticipo? Sulle lampadine da avvitare? Va be’, battute a parte, la cosa ha dell’incredibile.

E, soprattutto, incredibile come la querelle dello stadio San Paolo non abbia mai fine. Nonostante le Universiadi abbiano ridato un volto più vivo all’impianto, il San Paolo resta una delle più grandi croci della squadra partenopea, e anche dell’intera città. Sarebbe il caso di dirlo, per una volta: ADL cacc’ ‘e sord’ e costruisci un nuovo stadio. ADL ingegnere.

Marco Marsullo

About Marco Marsullo

Marco Marsullo è nato a Napoli nel 1985. Scrittore per Einaudi. Editorialista calcistico per il Corriere del Mezzogiorno, SportWeek e la Gazzetta dello Sport. Difensore centrale, piedi storti, braccia larghe in marcatura.

Leave a Reply

Leggi un altro articolo
Leggi un altro articolo
Esistono almeno 3 versioni diverse di questo romanzo orale. Qualcuno...