Silent Check

Buffonate senza senso

By 26 Giugno 2019

Qualche giorno fa su QuattroTreTre ho scritto un pezzo su Buffon, si chiamava Gigi non aver paura. Anzi, più che un pezzo una lettera (di stima, d’amicizia, d’amore) per uno dei più grandi portieri di sempre. Un uomo che è entrato nel cuore di tutti, dalla carriera mastodontica e tutto il resto che già sapete da voi.

Nel mio articolo “suggerivo” a Gigi di smettere, dopo la notizia della fine del suo rapporto lavorativo con il PSG. Gli suggerivo questo perché a 41 anni ci sta: meglio finire al top che riciclarsi in una squadra che non può garantirgli qualcosa di importante, dato che si era parlato di Parma, prima, e Atalanta poi.

Di ieri la notizia ancor più clamorosa: Buffon dovrebbe tornare alla Juventus. Contratto annuale da vice-Szczesny e un inserimento, subito dopo, nel quadro dirigenziale bianconero. Il tutto, pare, per aiutare Sarri nella gestione dello spogliatoio. Allora, due cose.

Punto primo: non credo proprio che Maurizio Sarri abbia bisogno di un collante per gestire un gruppo di uomini, se pur di campioni vincenti e un po’ snob come quelli bianconeri.Lo trovo addirittura offensivo, per un uomo di sessant’anni. Solo l’idea mi disturba.

E due: ma che senso ha tutto questo? Perché Buffon non fa subito il dirigente, allora? Inoltre la Juve ha già Perin, ottimo portiere, a guardare le spalle al numero uno polacco. Queste giostre strane a cosa servono? A fare notizia? Perché Gigi Buffon sente il bisogno di fare il portiere di riserva alla Juve per un anno? Per provare a vincere una Champions da comprimario? Qualcuno me lo spieghi, per favore, perché io con questo calcio non ci capisco più niente, ormai.

Leave a Reply