Silent Check

Er Special One

By 5 Maggio 2021
Mourinho

Ieri il mondo ha tremato, le vibrazioni della terra si sono avvertite ovunque, a ogni fuso orario, raccontate in ogni lingua. L’epicentro: la Capitale, Roma caput mundi. José is back, giusto il tempo di fargli fare il Raccordo e arrivare a Trigoria per allenare i giallorossi. Dalla prossima stagione il portoghese tornerà ad allenare in Serie A e se anche non porterà chissà quali innovazioni tattiche, regalerà al nostro campionato un’altra fetta di visibilità aggiuntiva, e questo non guasta mai. Il titolo della Roma in borsa già vola, ed era prevedibile, ormai un calciatore, ma anche un allenatore, lo si tessera pure per questi motivi qui: fabbricare più soldi che vittorie, più hype che titoli. José sostituirà Fonseca, grande colpevole o vittima sacrificale di questa annata stortissima: impossibile comprenderlo a pieno, su di lui il giudizio è soggettivo perché la verità, in una piazza come quella giallorossa, è sempre una questione di punti di vista. La Roma passa da un portoghese a un altro, cambia filosofia, dall’offensivo passa sulla difensiva, almeno sul rettangolo di gioco. Perché fuori, in conferenza stampa e nelle interviste post partita, José è sempre il più grande numero 9 degli ultimi decenni. Che lo spirito dei grandi navigatori portoghesi lo benedica sempre. Ci sei mancato, Mou.

Leave a Reply