Feed

Il problema di punta dell’Italia

By 19 Novembre 2019
Belotti e Immobile

L’Italia ha ritrovato Belotti e Immobile, ma nessuno dei due è il centravanti ideale per il gioco di Mancini. E non lo sarà mai

Nell’Italia di Roberto Mancini funziona tutto, anche quello che in teoria non potrebbe funzionare. Rimane infatti un problema irrisolto il centravanti, e rimarrà tale per via delle caratteristiche di Belotti e Immobile. Può sembrare un paradosso visti i risultati, in fondo siamo reduci da un 3-0 e un 9-1, 12 gol segnati in due partite, in cui prima Belotti e poi Immobile sono stati protagonisti con tre gol complessivi e prestazioni convincenti.

Che matto deve essere chi scrive che sono un problema, solo per il gusto di trovare un difetto in una nazionale perfetta. E invece, si perdoni, il ragionamento è più ampio ed è meglio affrontarlo in tempo di grazia, visto che siamo bravi a esaltarci, ma anche ad abbatterci quando arriveranno le prime difficoltà. Belotti e Immobile sono i due migliori interpreti a disposizione, non c’è alcun dubbio, ma sono anche estranei al contesto di gioco dell’Italia, ed è un dato di fatto che prescinde dai numeri, buoni per entrambi.

Belotti è reduce da 3 gol segnati e un assist nelle ultime due partite, 4 reti e due assist nelle ultime 4 gare giocate da titolare nel girone di qualificazione. Quando c’è, Belotti incide. Anche Immobile si è sbloccato: due reti all’Armenia, tre nelle ultime tre partite disputate, tutte dall’inizio al posto del dirimpettaio.

Ma né l’uno, né l’altro, si diceva, sono gli interpreti ideali, gli attaccanti perfetti per questa Italia, quelli di cui ci sarebbe bisogno per chiudere un cerchio che, finora, sembra essere perfetto. Il gol realizzato da Belotti con la Bosnia è, per paradosso, la prova: segna infatti quando la squadra difende con un baricentro basso, recupera il pallone e, via Barella, verticalizza velocemente: è una situazione che accade di rado nelle partite della nazionale, a volte non succede del tutto.

E lo stesso Mancini, dopo la partita, ha sottolineato che questo atteggiamento è stato il difetto della partita, che è “da evitare”, che “anche quando siamo stanchi, dobbiamo difendere in avanti perché non abbiamo le caratteristiche per farlo in posizione”. In altre parole, secondo il Mancio, l’Italia deve lasciarsi più campo possibile alle spalle, piuttosto che di fronte.

È l’esatto opposto di quello che hanno bisogno Belotti e, soprattutto, Immobile. Infatti quest’ultimo, contro l’Armenia, segna il secondo gol alla stessa maniera: verticalizzazione rapida e fuga in profondità, complice anche una difesa immobile, piatta, seppur su palla scoperta, ai limiti del dilettantismo. Campo davanti, Ciro va a nozze, e davanti alla porta non sbaglia, è ciò che è, freddo e preciso. Ma negli spazi stretti, c’è un problema, e con l’Armenia un occhio attento avrà notato il suo girovagare lontano dall’area, alla ricerca degli spazi corretti per duettare con i compagni in un tentativo sincero di mettersi a disposizione, di adeguarsi al gioco dell’Italia.

(Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Seppur con sfumature diverse, anche il Gallo preferisce giocare con aria attorno a sé: quando Barella lo assiste, ha molto campo di fronte in cui può correre e guadagnare inerzia e limitare i tocchi prima della conclusione. Può in sostanza essere diretto, con il corpo già impostato verso la porta, piuttosto che di spalle ad essa, e semplificare l’azione di attacco, che però nell’Italia di Mancini tende a essere articolata.

Belotti si adatta senza doversi snaturare ed è il motivo per cui, ad oggi, sembra avanti nelle gerarchie di Mancini rispetto al collega, perché gioca anche nel Torino rivolto verso la squadra, sa allontanarsi dall’area di rigore e così lascia spazio agli esterni o alle mezzali, e sa fare a meno del gol perché gode nelle partite di lotta, nell’essere utile alla squadra. Il problema, però, è che nell’Italia che difende in avanti, è compresso, costretto a giocare nel traffico, dunque deve far leva sulla qualità tecnica, che non gli manca, ma non è nemmeno il suo punto di forza.

Lo stesso si può dire di Immobile, seppur con sfumature ancora più evidenti. La Lazio di Inzaghi è un ecosistema perfetto per lui perché difende in basso e costruisce azioni verticali fulminee, in cui Immobile va a nozze. Ciro ha anche un’ottima qualità tecnica di base, ma fatica a imporla nel contesto che crea l’Italia di Mancini, opposto a quello della Lazio: in nazionale deve moltiplicare i tocchi, partecipare di più, adeguarsi ad una partecipazione diffusa. Immobile è invece maestro nell’apparire all’improvviso, scompare dalla partita per poi apparire quando serve la stoccata, e non è un difetto, è semplicemente una caratteristica perfetta per la Lazio, imperfetta per la nazionale di Mancini.

(Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Ma il fatto che ora entrambi funzionino è un merito condiviso: i giocatori e il ct si sono adeguati reciprocamente. Prima Mancio: sa che Belotti e Immobile sono i due migliori interpreti del ruolo al momento e che con ogni probabilità lo saranno anche a giugno, quando sarà il momento di scegliere la rosa per l’Europeo, così ha smesso negli ultimi mesi di cercare alternative. Nelle ultime cinque partite, è partito titolare uno dei due, mentre le alternative (Balotelli, Kean, Quagliarella, Lasagna e Pavoletti, su tutti), tra infortuni e calo di rendimento, sono tutte sparite dai radar.

Prima ha infatti rinunciato a Belotti e Immobile, lanciando loro un segnale d’allerta: l’Italia può fare a meno di voi. Poi, quando questi ultimi hanno risposto positivamente con i rispettivi club, li ha coinvolti nuovamente, sistemando in poco tempo le gerarchie e ottenendo in cambio un loro sforzo per adattarsi ad un gioco non del tutto aderente alle loro caratteristiche.

Anche l’esperimento del falso centravanti è stato accantonato da Mancini perché se esiste un difetto (oltre a quello di cui stiamo scrivendo) in questa Italia è la poca fisicità, e rinunciare anche a quella del centravanti porterebbe a un handicap difficile da gestire: nei calci piazzati, nelle partite in cui, magari, gli azzurri faranno fatica a trovare ritmo e gioco e servirà presenza al centro dell’attacco per semplificare il tutto.

(Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Di contro, però, un centravanti più associativo, renderebbe questo gioco ancora più fluido. Siccome non esiste ai massimi livelli, Mancini ha deciso di valorizzarne nove, sacrificandone uno, l’attaccante, per il quale lo stile della nuova Italia è ostile, mentre per tutti gli altri è perfetto, e non è un caso che ora anche chi fatica con i club in nazionale ritrova fiducia, vedi Insigne, Florenzi e Chiesa, per citare gli ultimi esempi. Il rapporto con i club si è invertito perché l’Italia è diventata un club con un’identità di gioco riconoscibile e immutabile, in cui tutti si trovano spontaneamente e nessuno deve snaturarsi o forzarsi. L’eccezione è, appunto, l’attaccante, ma viene sacrificato per il bene comune. E che bene.

Il fatto che ne siano consapevoli i diretti interessati è una delle vittorie di Mancini, che ha gestito alla perfezione il problema. Così, l’Italia ha ritrovato i due migliori attaccanti disponibili, e anche se nessuno dei due sarà mai quello ideale li ha messi nella condizione di poter rendere al massimo. E a loro volta questi ultimi si sono messi a disposizione di una squadra che, giocando in questo modo, con un volume di gioco così largo, seppur a loro ostile, può garantire un alto numero di occasioni da gol, e quindi di possibilità di firmare i tabellini.

In definitiva, Belotti e Immobile compensano la distanza con il gioco degli azzurri con una qualità spesso sottovalutata, se non addirittura dimenticata: l’intelligenza. La loro, e anche quella di chi li allena.

Claudio Savelli

About Claudio Savelli

Giornalista, tra le altre cose. Fa, vede, scrive, tendenzialmente di calcio e sport, ma non solo. È firma di Rivista Undici e Libero, ma non solo. Infatti lo trovate anche qui.

Leave a Reply

Leggi un altro articolo
Leggi un altro articolo
E alla fine venne anche l'ora di Mauricio Pochettino. Che...