Silent Check

l modulo dell’umanità

By 16 Gennaio 2020

E alla fine, tanto, si mettono tutti a 4 – 4 – 2. Quando le cose vanno male, quando vanno medie, quando le hai provate tutte e tutte non hanno funzionato. Il mondo non è cambiato tanto, tutto sommato. Abbiamo internet, i social network e le tv on demand, ma quando vogliamo sfogarci, o passare una serata divertente, ci infiliamo un paio di scarpe e andiamo a casa di un amico o ci beviamo un paio di birre in un locale, prima di ballare, ridere, attaccare bottone con una bella sconosciuta. Siamo umani, tendiamo a riprodurre sempre le stesse cose, Medioevo o anno 2020, cambia poco.

E il 4 – 4 – 2 è il modulo calcistico che ci ricorda, costantemente, la nostra umanità. Aveva ragione Sacchi, che pur di essere umano (nevrotico, cervellotico, integralista) spostò Beppe Signori a fare l’ala tornante, perché davanti gli serviva un centravanti come-diceva-lui come Casiraghi e sua maestà Roberto Baggio.

E così ha fatto Pioli con il Milan, ancora oggi, per esempio. Arriva Ibrahimovic, maschio alfa, lui le ha già tentate tutte, e torna all’origine dell’uomo. La semplicità che si fa innovazione, l’immortalità che ci ricorda il nostro tempo limitato, che qualcuno tramanderà a chi verrà dopo di noi. L’energico testamento calcistico della semplicità. Non si tratta di essere reazionari e ignorare l’evoluzione, sacrosanta e vincente, del pallone. Si tratta solo di continuare a credere nell’umanità. Nonostante tutto.

Marco Marsullo

About Marco Marsullo

Marco Marsullo è nato a Napoli nel 1985. Scrittore per Einaudi. Editorialista calcistico per il Corriere del Mezzogiorno, SportWeek e la Gazzetta dello Sport. Difensore centrale, piedi storti, braccia larghe in marcatura.

Leave a Reply

Leggi un altro articolo
Leggi un altro articolo
Felpa sociale addosso, cappuccio calato in testa: pare l’icona filmica...