Silent Check

Ma cosa applaudite Raiola?

By 18 Luglio 2019

De Ligt è bianconero. Un colpo davvero enorme, probabilmente l’olandese è il miglior difensore al mondo, per il presente, ma soprattutto per il futuro. L’ex Ajax, che ha condannato i bianconeri proprio in Champions con un suo gol, è l’acquisto dell’estate. E visti i prezzi pazzi di questi ultimi mercati, settanta papagne non sono neanche tantissime. Però c’è un dato, un avvenimento, che mi ha fatto riflettere.

Mino Raiola, agente del giocatore, ieri è stato applaudito dai tifosi della Juve. Anzi, più che applaudito. Cori nei suoi confronti, con lui che alza le mani trionfante verso la folla. Scusatemi un secondo: ma di cosa stiamo parlando? Per davvero il calcio è diventato uno sport dove, adesso, si intonano canti per un procuratore? Per uno come Raiola, poi, va be’, stendiamo un velo pietoso. Un uomo in grado di spostare da una squadra all’altra chi vuole lui, come vuole lui e quando vuole lui (e non sempre i suoi assistiti fanno carriere brillanti; gli ingaggi aumentano di trasferimento in trasferimento, però).

E Raiola non lavora sempre con metodi ortodossi. Almeno eticamente. E noi tifosi di pallone applaudiamo chi amministra i calciatori? Stiamo passando a un livello successivo? Tra poco osanneremo i loro commercialisti? Quelli talmente bravi da fargli pagare meno tasse? La mia non è una polemica nei confronti dei supporter bianconeri. È solo una domanda, forse sul ciglio del punto di non ritorno. Magari sono un inguaribile romantico, o magari mi interessano quelli che la palla ce l’hanno tra i piedi. Non quelli che prendono le commissioni sui loro ingaggi. Scusate lo sfogo.

Leave a Reply