Silent Check

Marotta: mò hai parlato bene

By 8 Luglio 2019

Le parole di Giuseppe Marotta durante la conferenza stampa di ieri con Conte sono state le migliori (di un dirigente) che io abbia ascoltato da molti anni a questa parte. Il pensiero, e il messaggio, su Icardi e Nainggolan è stato chiarissimo: non rientrano nel progetto. Punto. Senza giri di parole, politichese calcistico, quella patina insopportabile che avvolge qualsiasi uomo quando si siede dietro la scrivania di un club. Massimo rispetto per i calciatori ma qui non giocheranno. Novantadue minuti di applausi.

L’indicazione da Conte è arrivata subito, sicuramente ancor prima di dire sì all’Inter. Lui lavora con il gruppo e per il gruppo è disposto a “morire”; per questo motivo pretende che nel gruppo non ci sia chi non è disposto a morire per gli altri. E Icardi e Nainggolan, nell’ultimo anno, hanno dimostrato questo. Soprattutto l’argentino. Inutile anche ricordare la ridicola querelle dello scorso inverno, tra messaggi social, ospitate di Wanda in tivù e il problema al ginocchio (immaginario). Ora, però, andranno venduti. E se per il belga si spalancheranno di certo le porte dorate della Cina, per Maurito si parla di Napoli.

ADL ha già pronta l’offerta che, oltre ai soldini, regala a Wanda un ruolo da protagonista in uno dei suoi cinepanettoni: spettacolo, Aurelio. Pensare che a Napoli c’è ancora chi ti critica. Certo, parentesi: se il Napoli prendesse davvero Icardi (cosa che non auguro alla società partenopea e a nessun’altra, visto il temperamento del nueve argentino), sarebbero botte vere lì davanti con la Juve. Manolas, James Rodriguez e Icardi parlerebbero di un mercato da scudetto, senza troppi giri di parole. Vedremo. Quello che resta, per ora, sono le parole finalmente chiare, e persino gentili, corrette, di un amministratore delegato di una squadra di pallone. Scusate se è poco.

Leave a Reply