Brevi

L’inno “Pazza Inter” non risuonerà più a San Siro

By 27 Agosto 2019

I cambiamenti radicali passano anche dai particolari. Basta vedere quello che sta accadendo in casa nerazzurra. La razionalizzazione chiesta da Antonio Conte procede spedita. Se ne sono accorti gli spettatori che lunedì sera hanno riempito gli spalti di San Siro e che hanno assistito al 4-0 con cui l’Inter ha asfaltato il Lecce nell’esordio in campionato. Prima del fischio d’inizio, infatti, non è stato diffuso l’inno “Pazza Inter”, amatissimo dai tifosi ma emblema di quella fragilità emotiva e disattenzione che storicamente hanno caratterizzato la squadra nerazzurra. I 65 mila presenti hanno così intonato “C’è solo l’Inter”, lo storico brano composto da Elio e Graziano Romani nel 2002 e dedicato alla memoria di Peppino Prisco. Una novità che probabilmente si ripeterà anche nelle prossime partite casalinghe dei nerazzurri.

Ennesimo segnale della volontà del club di voltare pagina, come indicò con chiarezza Conte già nel video di presentazione al fianco di Alessandro Cattelan e del presidente Steven Zhang: niente più pazzie, meglio puntare sulla forza della normalità. Un concetto confermato dall’allenatore anche prima della finale di Champions League a Madrid: «Non sarà più pazza Inter? No, sarà regolare e forte». Ora, l’eliminazione dalla scaletta del prepartita di “Pazza Inter” è stata una decisione della società, non certo di Conte. La sostanza però rimane, la musica in casa nerazzurra sta cambiando.

Foto: LaPresse.

Leave a Reply