SILENT CHECK
di Marco Marsullo

Zapatone top player

Zapatone top player

Duvan Zapata è uno degli attaccanti più forti ...

SILENT CHECK

di Marco Marsullo

tutti gli articoli...

Zapatone top player

Zapatone top player

Duvan Zapata è uno degli attaccanti più forti ...
Il Cagliari non ha le vertigini

Il Cagliari non ha le vertigini

Ecco come, in un solo anno, a Cagliari la parola Europa non è più un tabù   ...
Dieci temi sul momento di Carlo Ancelotti (e del Napoli)

Dieci temi sul momento di Carlo Ancelotti (e del Napoli)

Perché il Napoli e il suo allenatore stanno faticando così tanto? ...
Simy si è preso Crotone

Simy si è preso Crotone

Il nigeriano era stato cercato da molte squadre, anche in Serie A, ma alla fine ha deciso di rimanere a Crotone, dove ormai ha messo radici. E con i suoi gol sta trascinando i calabresi verso la promozione ...
Quattro chiacchiere con il più grande portiere saudita

Quattro chiacchiere con il più grande portiere saudita

Mohammed Al Deayea, totem sportivo dell’Arabia Saudita e recordman di presenze in nazionale, ricorda quando sfiorò il Manchester United e racconta le sue impressioni sull’attuale panorama calcistico europeo ...
Robin Olsen non è più un pacco

Robin Olsen non è più un pacco

Dopo una pessima stagione con la Roma, Robin Olsen è arrivato a Cagliari per sostituire l'infortunato Cragno. Ora, però, i numeri raccontano che lo svedese è diventato uno dei migliori portieri della Serie A ...
L’anno in cui il Celtic è salito sul tetto d’Europa

L’anno in cui il Celtic è salito sul tetto d’Europa

25 Maggio 1967, il Celtic Glasgow batte 2-1 l'Inter di Helenio Herrera e vince la Coppa dei Campioni. I ragazzi allenati da John “Jock” Stein vengono tutti dai dintorni di Glasgow e diventeranno per sempre i Leoni di Lisbona ...
Si può davvero diventare allenatori grazie a Football Manager?

Si può davvero diventare allenatori grazie a Football Manager?

Il re dei giochi manageriali di tutto il mondo può davvero trasformare un gamer in un allenatore di un vero club? ...
Rodrigo Palacio, con la mente e con il corpo

Rodrigo Palacio, con la mente e con il corpo

A 37 anni, Palacio sta corrompendo il tempo e continua a giocare il suo calcio unico. Un calcio fatto di pensiero, acume tattico e conoscenza. Un calcio prosaico ma colmo di grazia ...
Fare come Zaniolo

Fare come Zaniolo

Con due gol in tre giorni ha risposto alla frecciata di Fabio Capello («Non fare come Zaniolo») e messo a tacere i moralizzatori. Chi è oggi Nicolò Zaniolo, cosa ci ha fatto vedere finora e, soprattutto, cosa può diventare ...
René Houseman, il campione triste che segnava da ubriaco

René Houseman, il campione triste che segnava da ubriaco

Nato e morto poverissimo, l'argentino era un'ala destra capace di regalare spettacolo con i suoi dribbling imprevedibili. Un suo gol da ubriaco al River Plate passò alla storia, ma non cambiò il suo destino di uomo votato all'autodistruzione ...
L’importanza di chiamarsi bomber

L’importanza di chiamarsi bomber

Perché, al di là delle analisi tattiche ossessive, ancora oggi vale la regola che i nostri padri ci hanno sempre ribadito. A fare la differenza è la spina dorsale di una squadra: portiere, centrale difensivo, centrocampista di lotta e di governo e bomber ...
Le ombre dell’age-cheating sul Mondiale Under 17

Le ombre dell’age-cheating sul Mondiale Under 17

Il Senegal Under 17 ha battuto 4-1 gli Stati Uniti. Niente male per una squadra che è stata chiamata a sostituire la Guinea, squalificata dal Mondiale di categoria proprio per age cheating. Ma quanto è presente questa piaga in Africa? ...
Dries Mertens, oltre Maradona

Dries Mertens, oltre Maradona

Il belga vive un rapporto totalmente simbiotico con la città e con i tifosi, tanto da essersi meritato il soprannome di "Ciro". E dopo aver superato il record di gol di D10S, ora punta a quello di Hamsik ...
Oleg Salenko, l’ultimo dei sovietici

Oleg Salenko, l’ultimo dei sovietici

Ogni volta che si parla di Oleg Salenko si parla di un uomo che ha scritto al storia con i 5 gol segnati conto il Camerun a USA 1994. Ma Salenko è anche un uomo che la Storia l'ha subita. Figlio di di padre ucraino e madre russa, in un momento molto particolare ha dovuto scegliere a tavolino la sua identità ...
Angoy o la maledizione di avere Cruijff come suocero

Angoy o la maledizione di avere Cruijff come suocero

La vicenda di Petr Cech, passato dal calcio all’hockey, rimanda a quella di Jesús Mariano Angoy, un altro portiere che vent’anni fa fece il salto nel football americano per scrollarsi di dosso l’etichetta del raccomandato ...
Il Genoa è di nuovo al punto di partenza

Il Genoa è di nuovo al punto di partenza

Per il Genoa doveva essere l’anno del raziocinio, della voglia di portare avanti un'idea duratura dopo anni di player trading estremo. E invece, dopo 8 giornate, il progetto di Andreazzoli è già finito. Ora si riparte con un'altra idea di gioco, quella di Thiago Motta. Sarà un azzardo o una intuizione geniale di Preziosi? ...
Tu lo conosci René Marić?

Tu lo conosci René Marić?

Dietro alla rinascita del Borussia Mönchengladbach, capolista in Bundesliga e avversario stasera della Roma, c’è un ex analista di calcio, partito con un sito ultra specializzato e diventato vice di Marco Rose prima al Salisburgo e ora al Gladbagh ...
Dio salvi la Reggina

Dio salvi la Reggina

«Lei crede possibile che un uomo possa passare sulla terra senza aver detto nulla di quello che ha nel cuore e senza avere la sua parte?» Corrado Alvaro, L’uomo è... ...
Gabigol ha un conto in sospeso con l’Europa

Gabigol ha un conto in sospeso con l’Europa

Con 19 reti in 20 partite l'attaccante sembra rinato al Flamengo. A fine stagione scade il suo prestito e Gabriel Barbosa potrebbe prendersi la sua rivincita nel Vecchio Continente ...
Le 10 tute più brutte indossate dagli allenatori

Le 10 tute più brutte indossate dagli allenatori

È bastata appena una partita sulla panchina della Sampdoria per riaccendere il dibattito. Non quello sulle prospettive dei blucerchiati, per carità. Perché il solo fatto di guardare Claudio Ranieri, a... ...
Eder, un romanzo lungo 13 minuti

Eder, un romanzo lungo 13 minuti

Entrato nei supplementari della finale di Euro 2016 Eder segna il più improbabile dei gol e regala al Portogallo il titolo di campione d'Europa. L'attaccante, però, resterà un carneade, autore di un’opera sola, di un solo romanzo proprio come Emily Brontë, Boris Pasternak, Sylvia Plath, Alain - Fournier, Margareth Mitchell ...
Perché l’Atalanta non è una grande squadra

Perché l’Atalanta non è una grande squadra

La partita a due facce contro la Lazio racconta bene che cos’è il gruppo di Gasperini: una squadra con un reparto offensivo di grande qualità,  mediocre dal centrocampo in giù e con evidenti limiti caratteriali. Il fatto che da tre anni a questa parte l’Atalanta faccia molto di più di quello che è lecito attendersi non ci autorizza a immaginarla diversa da ciò che è ...
Si giocava meglio quando si giocava peggio?

Si giocava meglio quando si giocava peggio?

Dominare il gioco è dispendioso e sterile, giocare all’italiana diverte e fa vincere ...
Da Icardi a Lukaku, com’è cambiato l’attacco dell’Inter

Da Icardi a Lukaku, com’è cambiato l’attacco dell’Inter

Archiviata l’era del finalizzatore Icardi, ora l’Inter coinvolge le punte nel comporre le uscite fulminee e verticali e per combinare nell’ultimo quarto di campo. Le qualità e i limiti della coppia Lukaku-Lautaro,  l’unicità di Sanchez e l’opzione Politano: ecco tutte le carte in mano a Conte ...
Capitan Koulibaly

Capitan Koulibaly

Sempre più assorbito dalle dinamiche del Napoli e di Napoli, il senegalese  è il capitano in pectore di una squadra tanto talentuosa quanto umorale, proprio come lui ...
Pierre Littbarski, dribbling a orologeria

Pierre Littbarski, dribbling a orologeria

Gambe storte, statura minuta e un talento anarchico difficile da inquadrare. Ecco come nelle notti magiche dei Mondiali del 1990 Pierre Littbarski è riuscito a diventare fondamentale per una Germania Ovest piena di muscoli ...
Gabriel Martinelli va veloce

Gabriel Martinelli va veloce

Ritratto del diciottenne italo-brasiliano Martinelli, che si è rivelato in tutto il suo talento con una doppietta in Europa League. Mancini lo vorrebbe portare in azzurro, Tite lo ha già convocato per uno un stage in verdeoro. Lui intanto si prepara a segnare il primo gol in Premier   ...
Una giornata in sala scommesse

Una giornata in sala scommesse

Un viaggio lungo un giorno fra le persone che, per bisogno o per noia, decidono di scommettere su qualsiasi cosa: dai cavalli alle partite simulate da un computer, passando per le serie minori romene. Un mondo che in Italia fa registrare un giro d'affari miliardario che, però, rischia di trasformarsi in una trappola per i più deboli ...
Pronti all’incubo distopico dei mondiali in Qatar?

Pronti all’incubo distopico dei mondiali in Qatar?

L’atletica ha vestito suo malgrado i panni della cavia per comprendere che cosa accadrà tra poco più di mille giorni, quando si disputeranno in Qatar i mondiali di calcio più controversi della storia del pallone. Un ambiente artificiale all’interno di stadi semideserti. Caldo, umidità  e tempeste di sabbia fuori. La chiamano diplomazia dello sport ...
La rivincita di Roberto Mancini

La rivincita di Roberto Mancini

Si è compiuto assieme alla sua Nazionale, con cui aveva una storia simile
...

Icons – una serie di QuattroTreTre

Guida alla Copa Libertadores 2020

Guida definitiva alla Copa Libertadores 2020

Tutte le dichiarazione più interessanti della settimana dalla A alla Z