Silent Check

Perché Lukaku piacerebbe alle nonne

By 4 Maggio 2021
Lukaku
Romelu Lukaku è alto un metro e novantuno centimetri e pesa novantatré chilogrammi. Non è esattamente la persona con la quale vorresti litigare per l’ultimo parcheggio disponibile, al centro commerciale, di sabato pomeriggio. Eppure Big Rom, nonostante la stazza, la velocità, l’impressionante progressione, e la cattiveria nello sfondare le reti avversarie, appare sempre gentile. Di una gentilezza posata, mai sgraziata, mai per caso. Lukaku è arrivato all’Inter, due anni fa, che già parlava l’italiano, quando campioni acclamatissimi che sono qui da prima di lui non spiccicano ancora due frasi intere della nostra lingua. E per carità: mica è obbligatorio imparare l’italiano che, se pur bellissima come lingua, non ha il passaporto mondiale dell’utilità come lo spagnolo o l’inglese. Però è un segnale, soprattutto verso i compagni di squadra: quello di voler comunicare al meglio, in campo e fuori. Ed è così, con questa gentilezza, questa attenzione, che si creano i gruppi, e dei gruppi si diventa leader. Ieri su queste pagine facevo i complimenti a Conte per lo scudetto nerazzurro. Ecco, Antonio Conte, senza Lukaku e la sua dedizione, questo scudetto non lo avrebbe mai conquistato. Sempre con quella gentilezza che lo farebbe amare da qualsiasi nonna italiana, alla tavola della domenica.

Leave a Reply