Silent Check

Sarri andata/ritorno

By 13 Febbraio 2020

E però pure voi, voi delle Poste Italiane, capitelo Maurizio Sarri. Non stiamo a spaccare il capello in quattro o ad offenderci subito per la prima battuta, e andiamo. Che poi, a dirla tutta, un paio di cosette su di voi ce le avrei da ridire, tipo che una volta, tredici anni fa, ho spedito una lettera e non è mai arrivata. Come risolviamo? Quindi, ammettiamolo: sbagliamo tutti.

La battuta sulle Poste del mister bianconero è il blando cliché che si usa per far capire che un incarico alle poste è definito, nell’immaginario collettivo, come il classico posto sicuro, tranquillo, senza particolari preoccupazioni. Che poi, a ridirla ancora tutta, forse Sarri – nonostante ci abbia lavorato… pardon, allenato – non è mai entrato in un ufficio postale di Napoli.

Gli uffici postali della città di Napoli sono sceneggiature a cielo aperto, un misto tra la vita reale e Parasite, il film coreano che ha appena vinto tutti gli Oscar possibili e immaginabili all’ultima cerimonia degli Awards. Lì dentro altro che pressione: si rischia la propria incolumità psicofisica ogni giorno. Quindi, caro Maurizio, hai torto. Perché sì: anche alle Poste Italiane c’è pressione, non solo se sei seduto sulla panchina della Juventus.

Il punto è un altro: Sarri sembra sbagliarne una dietro l’altra. In campo come in sala stampa, e il nodo è sempre lo stesso. Quando alleni la Juve non te ne perdonano una. Non è come allenare altrove, in bianconero sei obbligato a essere quello che lui, probabilmente, non riuscirà mai a essere fino in fondo. L’ironia della sorte sarebbe se un giorno, a mezzo raccomandata a/r, a Sarri venisse recapitato l’esonero da Agnelli. Ve lo immaginate? Il timbro soddisfatto dell’impiegato delle poste? La vendetta è un piatto che va servito nella buca delle lettere.

Marco Marsullo

About Marco Marsullo

Marco Marsullo è nato a Napoli nel 1985. Scrittore per Einaudi. Editorialista calcistico per il Corriere del Mezzogiorno, SportWeek e la Gazzetta dello Sport. Difensore centrale, piedi storti, braccia larghe in marcatura.

Leave a Reply

Leggi un altro articolo
Leggi un altro articolo
Dopo le stagioni non certo esaltanti con Milan e Genoa...